da Nicoletta Costa
drammaturgia e regia Giorgio Scaramuzzino
con Gabriella Picciau
musiche Paolo Silvestri
produzione Teatro dell’Archivolto

teatro d’attore, pupazzi, canzoni dal vivo

 

Giulio Coniglio ha cinque anni e tutte le emozioni tipiche di quell’età.

Nato dalla matita di una delle più popolari autrici di letteratura per ragazzi, è un personaggio che ha incontrato subito il favore dei bambini, proprio perché in lui possono facilmente rispecchiarsi.
Lo spettacolo del Teatro dell’Archivolto, ricco di colori e musica, lo segue in una giornata tipo, fatta di piccoli riti quotidiani, regole e momenti ludici, comuni all’esperienza di tutti i bambini: la sveglia al mattino per andare a scuola, prepararsi e lavarsi i denti, le lezioni con il maestro Leolupo e la sua assistente Dorothy, i giochi del pomeriggio, la merenda, i sogni ad occhi aperti, in un vivacissimo bosco realizzato a partire dai disegni fatti dalla stessa Nicoletta Costa. Con l’ausilio di teneri pupazzi, l’attrice in scena dà vita a Giulio e ai suoi amici, l’Oca Caterina, il Topo Tommaso, la Lumaca Laura e la Lepre Gelsomina.