L’ex-Mercato comunale, inaugurato nel 1905 (insieme al monumento a Giuseppe Garibaldi nelle vicina piazza del Monastero) e recentemente dismesso, era costituito da due principali volumi: il primo a tre livelli, affacciato verso via Ghiglione, che ospitava l’ingresso alla struttura e le funzioni accessorie al piani superiori; il secondo, che accoglieva i banchi del mercato, articolato in una vasta superficie rialzata coperta da tre navate in struttura metallica. Nei fondi, alcuni locali seminterrati adibiti a deposito completavano le superfici dell’immobile.

La trasformazione in un Centro polivalente, reso possibile dall’investimento di Sviluppo Genova S.p.A., ha oggi posto al cuore del complesso una grande sala, pensata come un luogo ad elevato grado di flessibilità a potenziamento del complesso culturale dell’adiacente Teatro Gustavo Modena. Il pavimento è su piattaforme mobili, in grado di modificare l’assetto del palco e della platea in totale libertà, per allestimenti “all’italiana” o sfilate di moda, esibizioni a stazioni diffuse o impianti a cavea centrale.
Allo stesso modo non esistono boccascena e un piano di graticcia vero e proprio: l’intero soffitto della sala è servito da ballatoi praticabili e ponti mobili. La rappresentazione può avvenire ovunque, ed il pubblico assistervi da luoghi sempre diversi cosi (la capienza può arrivare fino a circa 300 posti) come detteranno le mutevoli esigenze artistiche dei singoli allestimenti.
La risposta acustica è controllata in modo naturale, grazie al rivestimento fonoassorbente in sughero, non trattato, mentre la luce è filtrata dalle ampie vetrate a scomparsa delle pareti, oscurabile se si vorrà, ma anche libera di penetrare nello spazio che può diventare loggia aperta, muovendo con una mano i pannelli scorrevoli lungo i fianchi della sala. Un impianto sofisticato di trattamento dell’aria consentirà le migliori condizioni di benessere durante tutte le stagioni dell’anno.

Nel piano sottostante trovano collocazione tutti i locali di servizio della struttura, inclusi i camerini. Un segreto collegamento sotterraneo unisce questo piano al sottopalco del vicino teatro ottocentesco. Una nuova biglietteria diurna consente, al livello terreno, il passaggio del pubblico dal Modena al nuovo complesso. L’antica palazzina affacciata su via Ghiglione è stata recuperata nelle forme originali, ma singolari tagli prospettici, improvvise doppie altezze, lucernari, sono stati inseriti per rendere accoglienti i foyer, dove si potrà sostare, bere, parlare, o semplicemente far niente.
Infine i piani superiori, che ospitano gli uffici per l’organizzazione teatrale ed una sala per la stampa e per gli incontri, affacciata sul grande atrio sottostante.

sm-1     sm-2     sm-3

Organizza il tuo evento nei nostri spazi

Location uniche e prestigiose per eventi di lavoro e convegni, un palco perfettamente attrezzato per ogni tipo di manifestazione culturale